One of the things that made him a great teacher was that you could always say to him, “Why?” Sometimes he had a very philosophical answer for you, sometimes he had a numbingly mechanical answer, and every so often he’d just say, “Over the years, I’ve found this works best. Every time I’ve seen a straight right knee on the top of the swing, I’ve seen bad shots.” Through my father, I was able to learn from other people’s mistakes.

Bamberger, Michael; Love III, Davis (2012-10-02). Every Shot I Take (Kindle Locations 390-393). Simon & Schuster, Inc.. Kindle Edition.

“Faced with an obstacle, do not ignore it, overcome it!”

Bamberger, Michael; Love III, Davis (2012-10-02). Every Shot I Take (Kindle Location 409). Simon & Schuster, Inc.. Kindle Edition.
He’d always tell me to be my own best friend on the golf course. If I’d berate myself, he’d say, “Would you talk to your best friend that way?” And I’d say, sheepishly, “No.” And he’d say, “Then don’t talk to yourself that way, either.” On the course, I try to tell myself the things I need to hear. I try to encourage myself, explain away bad shots, praise myself for my good shots.

Bamberger, Michael; Love III, Davis (2012-10-02). Every Shot I Take (Kindle Locations 1121-1124). Simon & Schuster, Inc.. Kindle Edition.


            

il mio attrezzo preferito

Complice la bora, ieri invece di correre mi sono fermato in palestra , vicino a casa … ho chiesto se potevo pagare un ingresso … tempi moderni. E così ho cominciato a guardarmi attorno, a parte che mi davano del lei, non conoscevo nessuno e adoperavo i pesi delle bambole ero perfettamente a mio agio. 15 minuti di cyclette come tributo aerobico, superserie (3×12 leg raises + 3×8 lombari) poi (3×25 sit-ups + 3×6 trazioni alla sbarra), poi serie normali 3×10 squat, 3×8 lat machine, 3×6 panca piana e fine dell’allenamento. Tra poco mi preparo e vado a correre sulla neve. :-)

Tags:

“On your Day of Judgment, you will not be asked what you’ve read, but rather, what you have done!” Tony Blauer

è il vero titolo di “L’arte di correre, Lo straordinario autoritratto di uno scrittore maratoneta” … ho sempre sostenuto che ci vorrebbe una legge che proibisse di modificare i titoli dei libri nelle traduzioni e dei film nei doppiaggi, ma in questo caso probabilmente non avrei comprato e letto questo splendido libro.

quando corro semplicemente corro” p.19

 … “invecchiare è un’esperienza nuova” p.20

“… mi colpì il pensiero: <<Voglio scrivere un romanzo>>. … In quel momento dal cielo scese in silenzio qualcosa, e io lo presi. Sì lo presi. …”

La cosa che mi rendeva maggiormente felice, nella mia nuova vita di scrittore professionista, era la possibilità di andare a letto presto e alzarmi di buon mattino … il mattino mi alzavo prima delle cinque e la sera andavo a dormire prima delle 10. … nella vita è necessario stabilire delle priorità“.pp.35-36

 … caro Murakami, io ho l’oportunità di alzarmi alle 6 e andare a letto alle 23 (se voglio riuscire ad alzarmi il giorno dopo)  … con 90 km di macchina, ma va’ bene così, sarà un grande 2012 ;-) 

Video importato
Download Video

 

quando ricevo una critica immotivata (a mio parere, s’intende), o quando vengo biasimato da qualcuno di cui davo per scontata l’approvazione, correndo copro sempre una distanza un po’ più lunga del solito. Così faccio consumare al mio corpo la parte di delusione” p. 22 “Fondamentalmente la vita non è una cosa equa, su questo non ci sono dubbi” p.41

Ieri ho iniziato a leggere questo libro, mi aveva attirato in libreria, l’avevo preso, poi riposto ed alla fine comprato. E’ una sorta di diario di uno scrittore corridore, anzi di uno scrittore maratoneta. Già dalla prefazione c’è una frase che mi permette di dire che questo libro mi sarà caro.
“Pain is inevitable, suffering is optional”

Giovedì 29 dicembre 2011 Venezia (Ca’ Pesaro) – Museo Orientale dalle ore 15:30 alle
ore 17:00 visite guidate gratuite.
Altre visite
guidate domenica 8 gennaio 2012 alle ore 15:00 e sabato 14 gennaio 2012 alle ore 11:00.

ormai sono diventato un corridore della domenica, nel senso che corro solo la domenica, e con la scusa del Natale, ho sforato a lunedì … 1h 13′, ma per circa 40′ ho corso con Leo, il mio bambino, è partito un po’ troppo sparato, dopo il primo kilometro sembrava cotto, poi ha trovato il ritmo giusto ed alla fine del percorso vita ha fatto anche un giro in altalena …

AuguriQuesto è lo splendido biglietto che ho ricevuto da Daniela Antonello fotoamatore che ha partecipato ad Oriente in Riviera.

Non poteva essere più appropriato, spero non le dispiaccia se lo pubblico.

Tags:

Quest’anno sono 3 minuti più vecchio, 1h e 8′ per fare gli 11 km di questa corsa a cui sono affezionato. Novembre è stato un mese all’insegna dello stress e del sorriso, stress di una situazione lavorativa tutta da definire e sorriso obbligato, perchè non posso permettermi il lusso di essere pessimista. Niente allenamenti in novembre e niente di meglio della corsa di Zerobranco con la tradizionale grappetta per riprendere. Non vedo l’ora che arrivi il primo gennaio, questo è veramente un anno pesante.

Tags:

« Precedenti